Pasta rosata alla rosa gattina, fagioli borlotti del Vaticano e origano lunare liquido



Molti non sanno che la pasta rosata è tipica dell'isola di Monza e viene cucinata in questa maniera soprattutto nelle festività celtiche che ancora vengono rispettate in questa zona. I Celtiaci si trasferirono qui in seguito alla secca del ventisette e iniziarono a cucinare con le materie prime che meglio riuscivano a reperire in zona.
Ma ora basta con la storia.
Salate l'acqua di mare (sull'isola l'acqua è un po' sciapa) e fatela bollire, aggiungete la tipica pasta rosata presa al discount di fiducia e aspettate 30/40 secondi poi scolatela...al dente è più buona per dindirindina!
In un tipico tegame a W fate sfumare i borlotti del Vaticano con l'origano lunare liquido.
Mantecate e servite su un tavolo da tè. Potrete degustare questo esclusivissimo piatto povero che vi porterà indietro nel tempo a quando i sapori erano più semplici e cibarsi era ancora una occasione di socialità.
I Celtiaci si estinsero a causa dell'alto contenuto di piombo R45 contenuto nei borlotti del Vaticano.

Stavo cucinando i rigatoni alla Robespierre e....quello che mi è successo HA DELL'INCREDIBILE!


Proprio oggi mi è successa questa cosa: stavo cucinando due fusilli alla Bonaparte e non trovavo la polvere di Mescal di Noto da aggiungere a cottura ultimata sul piatto. La situazione si stava mettendo male perchè volevo pubblicare la foto qui sul blog e non potevo farla senza.
Ma ad un certo punto è successa una cosa INASPETTATA, ho scoperto che potevo farne a meno  perchè ho trovato un ingrediente segreto che abbiamo tutti in casa nostra!
Potevo fare a meno anche dei due fusilli!
Vuoi sapere come??? CLICKA QUI!
Massima condivisione!

Fritto mistico: nodini di trippa fritti con foglie di rabarbaro

Visto che non riuscite da sole/soli ad affrontare la prova estate e la ciccia esce dai bikini ecco una ricetta veloce per perdere peso, restare in forma e fare un figurino sul bagnasciuga.
Ormai è tardi per rimediare alle tonnellate che avete preso in queste due settimane, quindi prendete la vostra trippa e tagliatela con un coltello di ceramica (che cosi non ossida)  poi tagliatela a strisce e annodatele una per una.
Friggete insieme alle foglie di rabarbaro e date tutto al cane cosi non ingrassate più.
Gnamme fido.

Spezzatino di telegiornale con salsa di acetone e trito di cronaca nera




Oggi voglio proporvi un piatto estremamente piatto.
Mentre aspettate che l'acqua bolle accendete un tv (meglio se a tubo catodico) e sintonizzatelo su un telegiornale. Non appena la cronaca nera inizierà a affiorare prendete il tv, tritatelo finemente e buttatelo in un tegame a soffriggere nell'acetone.
Quando inizierà a acquistare l'ottimo colore ambrato potrete posarlo su un tegame e metterci della farina integrale 000 (triplo zero) fino a coprirlo completamente.
Che cosa buonissima che avete preparato per i vostri bambini!!! Gnamme.