Clavicole alla provenzale fasciate nel salame ungherese verde



Lorem ipsum provenzale sit salamem, consectetur cosciotto elit. In in anguria ut urna fringilla scalogno eget sed olio. Vestibulum ulcera massa quam, cedrata blandit tellus polvere di stelle. Nam pharetra smaglia nunca sed orci dapibus fricassea. Curabitur faringite cronaca interdum ipsum, varius accredito ipsum eleifend più fagiani. Interdum et malasorte fames ante cosciotto primis in B3, acqua. Clavicola e tincidunt egiziana lacus at gravida. Cena ante ipsum primis in agnolotto col pepe orci luctus et finimondo posuere cubilia cuspide; Passito habitant morbi tristique smartphone et netus et arrostito ben bene fames ac turpis egestas nelle ali.
Se l'impasto è molle, ripartite dalla terza riga.

Mari tozzi panna e sardella.


Una ricetta nostalgica, estiva, che vi farà ricordare il pedalò.
Proprio perchè il natante da diporto a propulsione muscolare umana è l'ingrediente fondamentale.
Imbarcatevi dove l'acqua è piuttosto bassa, globalmente deve esserci poco mare, e iniziate quindi a spruzzare bottigliette di panna spray finché le sardelle non verranno a galla.
Mangiatene come sempre a iosa. Andatene ghiotti.
L'ozono vi saluta.

Come affrontare il cenone di Natale


Natale ha circa 76 anni e vive in un paesino ligure.
Natale odia il Natale perchè ogni Natale a cena molta gente si presenta da lui e vuole mangiare neanche poco.
Solitamente si affida ad un catering che in seguito deduce dalle tasse, quest'anno stufo dei soliti piatti ha deciso di preparare da solo queste portate.
Troverete anche voi sicuramente qualcosa che vi toglierà dall'imbarazzo.

- Tartarre di brodo ligure al pollacchio
- Trippa all'occhio di fragola ligure
- Spinterogeno in fricassea alla ligure
- Crema pasticciata ligure con odore di pesce fritto
- Tenero orsetto pelouche ligure in abbacchio
- Crostatine di zampone a forma di polmone ligure
- Lenticchia agrodolce pepe rosa-aglio- e salmone ligure
- Peperoni liguri unti in olio 4T

...e per chiudere un classico:
- Maniglia antipanico ligure aromatizzata con menta e pistillo di crisantemo.

Uova basculabili al tartaro vetusto con fricassea di pani biblici e homo erectus

Ad interim, ne fa le veci chiunque si senta giallo lungo il percorso fluviabile.
Si fa presto a dire presto, il resto è desto e m'arresto.
Fringuelli nella testa fanno festa e cucinano minestra. Nel pomeriggio palestra.
Questa ricetta si fa da sé.

Arringhe in salsa rosa plumbeo.


Per chi ha problemi di glicestori o di fenopleci le arringhe sono un toccasana.
La dose giusta è spesso determinata dal luogo dove l'arringa è tenuta.
Badate bene che il giusto equilibrio tra cronaca rosa e nera arriva solo dopo anni di tentativi e questo donerà alla vostra arringa un sapore rosa plumbeo assai retorico ma mai scontato.

Mostarda bastarda


La mostarda è un colore, non si mangia.
C1 M19 Y100 K0

Ricetta seria: pasta burro e parmigiano


Quando l'acqua bolle mettete una manciata di parmigiano.
Lessate il burro nell'acqua, il tempo è indicato sulla confezione della pasta.
Scolate l'acqua, quello che rimane lo versate nel piatto con la pasta.
Aspettate che cuocia.
La semplicità e la forza delle tradizioni.

Ouverture di cetriolo in salsa di pancarrè con lettino di briciole di cioccolata e farina di oddio



Premetto che questa ricetta ha difficoltà 7.
Il cetriolo deve essere affettato con una lama di osso di vitellone così non s'irrigidisce e rilascia nelle successive 4 ore e mezza tutti i fenacolati spiroidi. Una volta rosso, possiamo tagliare le fettine a strisce. Cosi facendo l'ossigeno scatena il processo di escheromia sulla superficie e di conseguenza avremo un alto concentrato di gischidi.
Il cetriolo è pronto, andate al supermercato di fiducia e chiedete la salsa di pancarrè. Vi diranno che è finita. Tornate a casa e frullate il pancarrè con dell'essiccato di strudel: anche la salsa è pronta.
Sfasciate il cioccolato mentre con un occhio controllate il termostato del frigorifero. Oddio.
Ormai si è fatto tardi. Servite tutto cosi com'è. I fenacolati spiroidi e i gischidi daranno comunque al vostro piatto un sapore inconfondibile.

Insalata alla "perchè io valgo"


Prendete un'insalatona sotto spirito, dategli una spruzzata di peperoncino infingardo della liguria svizzera e portate ad ebollizione. Sedetevi in maniera scomoda in modo da far addormentare la gamba destra, tagliatevi l'alluce valgo.
La vostra insalata è ora condita.
5 minuti ci sono voluti.

Carciofi alla romana giudaica


Piatto che ha reso celebri le trattorie delle ghette romane. Il carciofo viene fatto sobbalzare su se stesso ma alla julienne. Viene servito con un piatto magnetico che lo tiene incollato al fondo. Per essere apprezzato a pieno non deve essere assaggiato.

Maccheroni di come li fa mia mamma che vengono buoni


Mia mamma spesso li fa che sono buoni. Ci frigge prima l'acqua poi ci pensa un pò e ci butta un mestolo di chiodi di garofano. A cottura ultimata ci versa dentro la pasta che ci viene proprio buoni. Che tutti quanti noi alla fine siamo contenti che l'abbiamo mangiata.

Fritto mistico: capocollo fritto


Polenta e bendidio

Una ricetta pasquale, che si abbina perfettamente con lo zampoglokiddosmmfsdjafsdf.,..c..c...,.,.,.kéééé]]][[[[[

Fusillo che fretta c'era maledetta primavera, in agro-pontino


Se è Novembre aspettate.
Se è Dicembre aspettate.
Se è Gennaio aspettate.
Se è Febbraio aspettate.
Se è Marzo aspettate.
Se è Aprile aspettate.
Poi d'un colpo cucinate il fusillo, farà più caldo che a Novembre. Cantate e prendete il treno per l'agro.


Involtino di "perchè no?!"


Avete un p(r)elato a cena? Avete il frigo pieno zeppo di carciofotti scaduti da 3 mesi?
È proprio l'ora di un involtino di "perchè no?!"